Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Puccini Opera Gala a Beirut

banner_ridotto_3

Puccini Opera Gala a Beirut

Al Bustan International Festival of Music and Performing Arts, l’Ambasciata d’Italia in Libano e l’Istituto Italiano di Cultura di Beirut presentano Puccini Opera Gala, un concerto di melodie pucciniane per il centenario della scomparsa del grande compositore italiano.

L’evento gode della collaborazione della Fondazione Festival Pucciniano e Città di Viareggio ed è il concerto di apertura del Festival Al Bustan.

Valentina Boi, soprano

Marco Berti, tenore

Francesco Barbagelata, pianoforte

Programma

da Manon Lescaut, “Donna non vidi mai” (Marco Berti, tenore)
da Manon Lescaut, “Sola, perduta, abbandonata” (Valentina Boi, soprano)
da Manon Lescaut, “Intermezzo” (Francesco Barbagelata, pianoforte)
da La Bohème, “Sì, mi chiamano Mimì” (Valentina Boi, soprano)
da Tosca, “Mario, Mario, Mario…. Son qui…” (Marco Berti, tenore)
da Tosca, “Vissi d’arte” (Valentina Boi, soprano)
da Tosca, “E lucean le stelle” (Marco Berti, tenore)

pausa

Foglio d’album (Francesco Barbagelata, pianoforte)
da Madama Butterfly, “Addio fiorito asil” (Marco Berti, tenore)
da Madama Butterfly, “Un bel dì vedremo” (Valentina Boi, soprano)
da La Fanciulla del West, “Ch’ella mi creda” (Marco Berti, tenore)
da Il Tabarro, “E’ ben altro il mio sogno..” (Marco Berti, tenore)
da Suor Angelica, “Intermezzo” (Francesco Barbagelata, pianoforte)
da Suor Angelica, “Senza mamma” (Valentina Boi, soprano)
da Turandot, “Nessun dorma” (Marco Berti, tenore)

CV artisti

Valentina Boi
Marco Berti 
Francesco Barbagelata 

Il Festival Puccini di Torre del Lago (puccinifestival.it) è uno degli eventi più attesi della ricca vita culturale della Toscana, (visittuscany.com) tra i più importanti festival lirici d’Italia e l’unico al mondo dedicato al compositore Giacomo Puccini che si svolge ogni estate, nei mesi di luglio e agosto, proprio nei luoghi che ispirarono al maestro Puccini le sue immortali melodie.

Il Festival nasce nel 1930 per realizzare un intimo desiderio del Maestro, ascoltare una delle sue opere risuonare sulle sponde del lago dove le aveva composte. E proprio lì, a soli sei anni dalla sua morte, gli amici del Maestro, tra cui Pietro Mascagni, misero in scena per la prima volta uno dei capolavori di Puccini, la Bohème. Da quel 1930 e con il passare degli anni è diventato un appuntamento prestigioso capace di richiamare migliaia di spettatori provenienti da tutto il mondo. Le opere di Puccini vanno in scena in un grande teatro all’aperto di 3.400 posti, in riva al lago di Massaciuccoli, circondato dal verde, proprio davanti alla Casa Museo del maestro Puccini dove sono custodite le sue spoglie.

Il Festival Puccini rappresenta il punto ideale di partenza alla scoperta di Giacomo Puccini uomo, estroso e intrigante, appassionato di caccia e di automobili, grande innovatore e artista per godere delle rappresentazioni dal vivo dei suoi memorabili capolavori.

Per Celebrare il Maestro a 100 anni dalla morte il Festival Puccini di Torre del Lago alla sua 70.a edizione presenta un cartellone che ripercorre la parabola artistica di Giacomo Puccini con 7 titoli pucciniani in programma dal 12 luglio al 7 settembre 2024 : Le Villi ed Edgar in un dittico nella stessa serata, Manon Lescaut , la Bohème, Tosca, l’ incompiuta, Turandot e Madama Butterfly.

A un secolo dalla scomparsa, – dichiara il direttore artistico del Festival Puccini, Pier Luigi Pizzi – la popolarità di Giacomo Puccini non è mai diminuita, semmai è cresciuta. A renderlo attuale il fatto, che nel suo teatro e nella profonda umanità delle sue creature ci si continua a riconoscersi. Il suo teatro parla a tutti, è universale. Ancora oggi Puccini rappresenta un modello, per chi voglia scrivere per l’opera lirica.”

Per i biglietti Al Bustan Festival | Points of Sale

  • Organizzato da: Al Bustan International Festival of Music and Performing Arts
  • In collaborazione con: Ambasciata d'Italia in Libano, Fondazione Festival Pucciniano, Città di Viareggio